COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? Scopri come si chiamano i fung ...
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI Un guida pratica,per principia ...
ERBE, FIORI, FRUTTI  E  PIANTE DEL BOSCO ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO Condividi l'esperienza del rit ...
COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO?
Scopri come si chiamano i funghi che trovi nel bosco.Ti aiuteranno Micologi e fungaioli superesperti!
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI
Un guida pratica,per principianti (e non), nell'introduzione al mondo fantastico dei funghi...
ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO
Condividi l'esperienza del ritrovamento di ogni erba,fiore, frutto o pianta che incontri nelle tue passeggiate nel bosco!
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE
Le avventure di pesca dei fungaroli / pescatori! Prede e tecniche di pesca.
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI
Le avventure escursionistiche di "Caccia al fungo" con i nostri amici del Forum!
VIDEO SCHEDE FUNGHI
Le schede dei funghi trattati, sono tutte arricchite da un video in HD, girato nel bosco. micologia e natura
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE Le avventure di pesca dei fung ...
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI Le avventure escursionistiche ...
VIDEO SCHEDE FUNGHI VIDEO SCHEDE FUNGHI Le schede dei funghi trattati, ...

CACCIATORI DI FUNGHI

IL PINO

I funghi instaurano un rapporto simbiotico con le radici, permettendo loro di assorbire, oltre all'acqua, ulteriori elementi nutritivi. I funghi ricevono in cambio le materie organiche a loro necessarie, quali zuccheri, proteine e vitamine. Dove si sviluppano micorrize, gli alberi, sono sicuramente più sani e vigorosi e, comunque, molto meno soggetti allo stress ambientale. L’intreccio di ife, di cui è costituito il fungo, costituisce una fitta rete capillare che aumenta, anche di cento volte, la capacità assorbente della radice. In condizioni particolarmente favorevoli, tale intreccio è così intenso, che, le ife, possono ricoprire la radice.

PINO DOMESTICO (Pinus pinea), PINO d'ALEPPO (Pinus halepsensis), PINO MARITTIMO (Pinus pinaster)

 

Pinus picea
Pinus picea (Pino domestico)

Pinus halepsensis
Pinus halepsensis (Pino d'Aleppo)

Pino marittimo
Pinus pinaster (Pino marittimo)

Amanita ovoideaMorchella elata
 Gyroporus castaneus

PINO DOMESTICO ( Pinus pinea ) -
In Italia è coltivato praticamente ovunque, ad eccezione delle zone montuose. Alto fino a 25 metri, sebbene l'altezza più comune sia sui 12-20 m. Ha un portamento caratteristico, con un tronco corto e una grande chioma espansa a globo, che col tempo diventa sempre più simile a un ombrello. Corteccia spessa, marrone-rossiccia e fessurata in placche verticali. Le foglie sono costituite da aghi, flessibili e di consistenza coriacea, in coppie di due e lunghi da 10 a 20 cm. I Fiori maturano in Aaprile-Maggio. Gli Strobili sono lunghi 8-15 cm, ovoidali e grandi. Impiegano 36 mesi per maturare, più di qualsiasi altro pino. Si aprono a maturità per far uscire i semi. Questi ultimi, i pinoli sono grandi, lunghi 2 cm, di color marrone chiaro con un guscio coperto da una guaina scura che si elimina con facilità ed hanno una rudimentale aletta di 5 mm che va via facilmente. Il vento non ha effetto per trasportare i semi, che vengono dispersi dagli animali, tipicamente gli uccelli. Vive nelle zone costiere mediterranee; l'areale originario si trovava probabilmente in Portogallo e Spagna, ma è stato coltivato da quasi 6000 anni per i semi che sono anche diventati merce di scambio. Forma boschi litoranei dette pinete, dove vive in associazione con altre piante della macchia mediterranea.
PINO D'ALEPPO - ( Pinus halepsensis)
Possiede portamento ramificato fin dal basso con una chioma espansa, vagamente simile al pino domestico e al pino marittimo, ma spesso più ampia in cima che verso la base dell'albero. Può raggiungere i 25 m., ma, solitamente non è più alto di 15 m. Il tronco, di circa 60 cm, raggiunge raramente il metro. La Corteccia é rossastra e spessa verso il basso, più scura e con squame più sottili verso l'alto.
Le foglie, aghiformi, lunghe 5-10 cm, molto sottili e morbide, riunite in mazzetti di due, di colore verde chiaro.
I fiori  maturano in marzo-maggio. Gli Strobili sono di forma ovale-conica, lunghi 5-10 cm e larghi 2-3 cm. Sono verdi in età giovanile e diventano marroni dopo due anni. Contengono dei semi lunghi 5-6 mm, dotati di un'ala di 20 mm. Gli strobili si aprono con lentezza, di solito nel corso di qualche anno, oppure per il calore provocato da un incendio. In Italia è presente in natura nel Gargano, nelle zone costiere del centro-sud (in popolazioni relittuali, in ambiente rupestre e calcareo), in alcune aree costiere della Liguria (Balzi Rossi, promontorio della Caprazoppa, Capo Noli), e in Sicilia (Riserva naturale orientata Pino d'Aleppo); ma è coltivato anche in altre zone (soprattutto costiere) come specie ornamentale, come nel resto del bacino del Mar Mediterraneo.
PINO MARITTIMO - ( Pinus pinaster )
Può raggiungere i 30 m, ma di solito è più basso (circa 20 m). La chioma giovanile è conica, con i rami che salgono curvi verso l'alto, nelle piante adulte diventa più appiattita e densa. La  Corteccia, spessa e fessurata, é  grigio chiara nelle piante giovani, diventa rossastro-scura in quelle adulte. Le foglie, aghiformi, lunghe 12-25 cm da adulte, in gruppi di due, sono verde chiaro e talvolta tendenti al glauco, molto rigide e spesse circa 2 mm, con i margini leggermente dentellati e stomi su tutti i lati disposti in linea. I fiori maturano in Aprile - Maggio.  Gli Strobili sono grandi, di forma ovale-conica e simmetrica, lunghi da 7 a 20 cm e larghi da 4 a 6 cm. Contengono dei piccoli semi scuri muniti di ala. Tipicamente mediterraneo-atlantico, ma ha bisogno di meno calore del pino da pinoli (Pinus pinea) e perciò si spinge più a nord, fino in Bretagna.
Questi sono tutti Pini a 2 aghi, quelli a 3 o 5 sono sopratutto di alta montagna. Ospitano una grande varietà di funghi, vi si trovano, sopratutto, quasi tutte le varietà di suillus, non troppo appetibili a dire il vero, il meno peggio é il Suillus luteus. Proviamo a stilarne un lenco, sicuramente approssimato per difetto : Agaricus fissuratus, impudicus, moellerianus; Amanita citrina, ovoidea, pantherina, proxima; Clathrus ruber; Geastrum vulgatum; Gymnopilus hibridus, spectabilis; Gyroporus castaneus; Hydnellum nigrum; Inocybe geophilla; Lactarius atlanticus, delicious, hepaticus, rugatus, sanguifluus var.violaceus; Lentinellus omphalodes; Melanoleuca decembris; Morchella conica, elata; Pisolithus arrhizus; Rhizopogon luteolus, vulgaris; Russula amoenicolor, cessans, littoralis, torulosa; Scleroderma meridionale; Suillus collinitus, bellinii, granulatus; Tricholoma auratum e calligatum. 

 

 

Russula delica
Lactarius delicious
Suillus granulatus
Suillus luteus
Russula heterophylla
Suillus bellinii
Lactarius sanguifluus
Suillus bovinus
Amanita citrina
Clathrus ruber
Amanita pantherina
 Morchella conica