COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? Scopri come si chiamano i fung ...
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI Un guida pratica,per principia ...
ERBE, FIORI, FRUTTI  E  PIANTE DEL BOSCO ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO Condividi l'esperienza del rit ...
COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO?
Scopri come si chiamano i funghi che trovi nel bosco.Ti aiuteranno Micologi e fungaioli superesperti!
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI
Un guida pratica,per principianti (e non), nell'introduzione al mondo fantastico dei funghi...
ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO
Condividi l'esperienza del ritrovamento di ogni erba,fiore, frutto o pianta che incontri nelle tue passeggiate nel bosco!
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE
Le avventure di pesca dei fungaroli / pescatori! Prede e tecniche di pesca.
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI
Le avventure escursionistiche di "Caccia al fungo" con i nostri amici del Forum!
VIDEO SCHEDE FUNGHI
Le schede dei funghi trattati, sono tutte arricchite da un video in HD, girato nel bosco. micologia e natura
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE Le avventure di pesca dei fung ...
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI Le avventure escursionistiche ...
VIDEO SCHEDE FUNGHI VIDEO SCHEDE FUNGHI Le schede dei funghi trattati, ...

CACCIATORI DI FUNGHI

Gli animali del bosco

IL MORIMUS ASPER (Cerambycidae)

Questo animaletto appartiene alla famiglia dei Coleotteri, Cerambycidae. Con elitre scure e granulose e macchie tomentose nere, più o meno, evidenti. Possiede antenne molto ampie e ricurve che, nel maschio, sono molto più sviluppate. Una sottospecie, il Morimus asper" funereus", é presente solo  nel Friuli Venezia Giulia e si contraddistingue per la colorazione grigio - azzurra delle elitre e le macchie scure più marcate. Il Morimus asper é un  insetto ampiamente diffuso in tutta l'Italia, isole comprese. La larva è polifaga, ma si sviluppa principalmente in gallerie scavate nelle latifoglie. Gli esemplari adulti si possono osservare, spesso, nei pressi e sui tronchi delle piante ospiti, in un periodo che va da Aprile a Settembre/Ottobre.

Morimus asper Morimus asper

Video e Foto di Francesco Marotta - Copyright ® Micoweb.it " Morimus asper "

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

LA CORONELLA AUSTRIACA ( Colubro liscio)

Questo innocuo Colubride, lo troviamo dal livello del mare fino a 1800 metri ed è diffuso in tutta l’Europa. Vive in vari tipi di habitat, ma soprattutto in ambienti soleggiati e aridi. Ha abitudini diurne ed è piuttosto riservato. Viene spesso confuso con la vipera. Non depone uova, i piccoli si sviluppano nel ventre della madre che partorirà alla fine di agosto. Si nutre quasi esclusivamente di Lucertole, ma anche di piccole Vipere.

Coronella austriaca Colubro liscio

Video e Foto di Francesco Marotta - Copyright ® Micoweb.it " Coronella austriaca "

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

 

LE CHIOCCIOLE (Helix aspersa e Helix pomatia)

L'Helix aspersa è un animale dal carattere assai cauto e timido in quanto si ritira appena sente il primo segnale di pericolo. Particolare attenzione va dedicata alle antenne di questo animaletto, le quali, quando vengono anche solo sfiorate, si ritraggono istantaneamente. E' un mollusco gasteropode terrestre chiamato comunemente "chiocciola" o anche, impropriamente, "lumaca". Grazie alla sua resistenza, prolificità e capacità di adattamento, la Helix aspersa (o Cornu aspersum), è una delle chiocciole più diffuse in Italia. Il diametro della sua conchiglia può arrivare ad un massimo di 25 mm. ed il suo peso può superare i 15 gr. All’interno della bocca è presente una struttura simile ad una lingua, chiamata radula, la quale è munita di tanti denti microscopici con cui l’animale grattugia il cibo, prima di ingoiarlo. Le uova vengono escrete da un orifizio posto anteriormente, in prossimità della bocca, e, durante l’escrezione, vengono avvolte da una pellicola gelatinosa estremamente efficace contro l’attacco di insetti. La Helix pomatia di grossa e media pezzatura (mm 40 e più di diametro), invece,   come si evince anche dal nome, trova nei massicci calcarei delle Alpi Marittime l'ambiente ideale di vita e di sviluppo. Detta anche “vignaiola bianca” (in Francia gros blanc o escargot de Bourgogne), l'Helix pomatia ha carne bianca e raffinata ed è diffusa in tutta l'Europa centrale. In Italia è consumata soprattutto nelle regioni settentrionali.

Helix aspersa Helix pomatia

(Helix aspersa)                                      (Helix pomatia)

Video e Foto di Francesco Marotta - Copyright ® Micoweb.it " Le Chiocciole "

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

 

LA NUTRIA (Myocaster coypus)

Il Myocastor coypus (Nutria nome comune) è originario dell’America Meridionale e arriva in Italia a seguito del commercio di animali da pelliccia. Gli esemplari presenti oggi in Italia, discendono direttamente da quelli fuggiti o lasciati irresponsabilmente liberi dagli allevatori, non più interessati a questa attività, a causa della drastica diminuzione della richiesta di pelliccia di "Castorino". La nutria è un mammifero che vive in stretto rapporto con l’acqua per cui lo si ritrova per lopiù  nei pressi di ambienti palustri, canali, fiumi e stagni. La cura costante della pelliccia è, ovviamente, di importanza capitale per questo animale.La folta pelliccia e lo spesso strato di grasso sottocutaneo, permettono il mantenimento della temperatura corporea, anche nei periodi invernali. E' in grado di nuotare molto velocemente mantenendo all'aria gli occhi e il naso. E' strettamente vegetariana e la sua dieta è a base di alghe e piante acquatiche, germogli di canna ed altre piante comunemente reperibili lungo i corsi d’acqua. Possiede abitudini prevalentemente crepuscolari. Fornita dalla natura di vista poco acuta, è soggetto timoroso e diffidente. Qualche volta, in periodi di magra alimentare, si avventura sulla terra ferma e compie vere e proprie razzie in campi coltivati. Costruisce la tana vicino all'acqua scavando delle gallerie più o meno ramificate fornite di una  zona nido. L’entrata si trova a ridosso dell’acqua solitamente protetta alla vista dalla vegetazione palustre. E' essenzialmente un grosso roditore acquatico, molto simile al castoro, dal quale si differenzia per le dimensioni corporee più modeste e per la  coda cilindrica. La Nutria è in grado di riprodursi durante tutto l’anno.


Nutria Myocaster coypus

Video e Foto di Francesco Marotta - Copyright ® Micoweb.it " Myocaster coypus "

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

 

LA VIPERA COMUNE ( Vipera aspis )

La Vipera aspis vive in luoghi freschi ed assolati, prediligendo ambienti poveri di vegetazione, prati, pascoli e soprattutto pietraie. Lunga al massimo 94 cm., presenta testa più o meno distinta dal collo, con l'apice del muso leggermente rivolto all'insù, ed occhi di dimensione media con la pupilla verticale ellittica. La coda è nettamente distinta dal corpo, caratteristica tipica della vipera e che la differenzia, tra le altre cose, dagli innocui colubridi. La colorazione varia a seconda dell'individuo dal grigio al marrone-rossiccio, e concede la possibilità al rettile di mimetizzarsi con l'ambiente circostante. Anche il disegno dorsale cambia da soggetto a soggetto, con strisce a zig-zag, macchiette separate o colorazione quasi uniforme. L'aspetto generale è più tozzo che negli altri serpenti a causa delle piccole dimensioni e della coda molto corta. Il veleno viene prodotto da speciali ghiandole velenifere poste in fondo al palato e inoculato attraverso denti del veleno cavi al loro interno. Come le altre tre specie di viperidi presenti in Italia Vipera aspis è vivipara; nascono da 5 a 20 piccoli di 15-20 cm, che sono autosufficienti e possiedono già ghiandole velenifere. Possono raggiungere anche i vent'anni di vita. Si ciba di topi, lucertole e piccoli uccelli. Si tratta di un animale territoriale. Goffa, lenta nei movimenti e di indole paciosa, reagisce fulmineamente se calpestata o molestata. Il suo veleno è molto attivo nei confronti dei piccoli animali, dal momento che contiene sia neurotossine che ematossine, tuttavia raramente si configura mortale per l'uomo, pur richiedendo soccorso immediato e provocando effetti anche seri. A rischio sono prevalentemente i soggetti esposti alle reazioni allergiche, quelli emotivi, gli anziani ed i malati affetti da patologie croniche, nonché i bambini.

 

foto : animali dal mondo

Video Systema Naturae di Vincenzo Rizzo Pinna www.systemanaturae.it
La Vipera comune (Vipera aspis)

È una specie ovovivipara, cioè le uova si schiudono all'interno del corpo materno poco prima del parto e i piccoli (generalmente da 6 a 8) nascono già interamente formati, divenendo autosufficienti alla fine dell'estate. Durante il periodo degli amori, che avviene in primavera, i maschi possono intraprendere delle lotte ritualizzate: essi sollevano le parti anteriori del corpo e le attorcigliano intorno al proprio rivale per valutare le reciproche forze. Come tutti i rettili anche la Vipera è un animale a sangue freddo ed è perciò attiva soltanto quando la temperatura al suolo raggiunge i 25-27 gradi. Per questo motivo durante la stagione fredda effettua una latenza invernale, nascondendosi in anfratti del terreno; in alta quota il letargo può protrarsi per oltre 7 mesi. Contrariamente alle credenze popolari la Vipera non è assolutamente aggressiva; se non viene molestata, non rappresenta un pericolo per l'uomo, perché, di fronte ad un fattore di disturbo, tende a scappare e a nascondersi. fonte del testo : WikipediA

 

IL CINGHIALE ( Sus scrofa )

Nel centro-italia il peso medio è sugli 80 - 100 kg, con esemplari che possono raggiungere i 130/150. L'altezza al garrese è di circa 90 cm, la lunghezza del corpo intorno ai 150. La pelliccia è scura e setolosa, il grugno conico e le zampe molto corte.La pelle è spessa e poco vascolarizzata, il che lo protegge da ferite e infezioni negli spostamenti nella macchia oltre che dai morsi di alcuni animali avversari, come le vipere.I maschi, nel periodo che precede gli amori (Ottobre/Dicembre), hanno uno spesso strato di grasso a protezione dei fianchi, probabilmente a difesa dell probabili scaramucce amorose. È un maiale selvatico dal temperamento aggressivo, le zanne lo aiutano oltre che nello scavo anche nei combattimenti. La sua dieta è onnivora e molto adattabile, si ciba di radici, ghiande, e altri vegetali, ma anche di insetti e piccoli animali.

 

foto (animali dal mondo) impronta
Sus scrofa orme cinghiale

I piccoli crescono in Febbraio-Marzo in media da 2 a 5,ma anche più se trovanoabbondanza di cibo. I nuovi nati,più deboli, vengono abbandonati a se sssi. Dopo 1 anno i maschi si allontanano dalle madri e raggiungono l'età adulta. La struttura sociale è sostanzialmente formata da branchi femminili con i piccoli nati nell'anno più i nati dell'anno precedente. Va detto, che in ambienti boschivi, la presenza del cinghiale è decisamente positiva per l'ecosistema, infatti, con la sua continua opera di scavo alla ricerca del cibo, interra semi ed elimina insetti dannosi, favorendo lo sviluppo intrinseco del bosco. Purtroppo, però, la riduzione progressiva del suo habitat naturale lo spinge in ambienti agricoli, prospicienti il bosco, dove risulta estremamente dannoso per le colture contadine. Per questo motivo, a torto, il cinghiale è sempre stato considerato distruttivo e oggetto di "necessarie" battute di caccia. Normalmente tende ad evitare gli uomini, ma se provocato o attaccato può divenire molto pericoloso. Gli attacchi non sono quasi mai letali, ma possono provocare squarci e grandi perdite di sangue.

 

 

 

IL GATTO SELVATICO (Felis silvestris)

Nei boschi delle nostre Alpi questo affascinante felino carnivoro è abbastanza presente, ma  è stato segnalato anche in Maremma, nel Gargano, nell'Aspromonte e anche sui Monti della Laga, nelle Marche ed in Sardegna. Si calcola che in tutta Italia, fra le Alpi e la Sicilia la popolazione attiva oscilli fra le 700 e le 800 unità. Un numero così esiguo di soggetti, lo mette evidentemente a rischio di estinzione. Si tratta, comunque, di valutazioni approssimative, poichè il gatto selvatico, a causa delle sue abitudini notturne e della sua incredibile capacità di mimetizzazione, non si lascia vedere facilmente.

Gatto selvatico (Felis silvestris)
foto: http://www.nonsolocittanova.it/parco_nazionale_aspromonte

la sua impronta
 micoweb - animali del bosco - gatto selvatico
  micoweb - animali del bosco - Gatto impronte

Dalla testa alla coda è lungo fino a 1metro e venti.  È alto dai 35 ai 40 cm. ed il peso è di norma sugli 8 -10 kg., eccezionalmente può arrivare fino a 15/18 kg. Il mantello è grigio con sfumature fulve o giallastre, con quattro strisce nere che partono dalla fronte. La testa è più grande di quella del gatto normale ed il corpo, più robusto e più tozzo, le zampe, specialmente quelle posteriori, sono forti e lunghe. La coda è ornata da tre o quattro anelli di un colore scuro. E', abitualmente, solitario e decisamente territoriale, esce di notte, aiutato da una vista eccezionale, dovuta alla sua particolare struttura oculare e dà la caccia a piccoli roditori,uccelli, rettili e perfino insetti. Qualche volta cattura anche qualche pesce in fiumi o ruscelli. Ha una durata media di vita dai 12 ai 15 ani. In alcune zone d'Italia è decisamente a rischio di estinzione, ovviamente a causa dell'uomo. Pensate che in Calabria (Aspromonte) il gatto selvatico è considerato una pietanza gustosa... Può essere facilmente avvistato presso il Parco nazionale d'Abruzzo e le foreste demaniali del Gargano. In questi luoghi, il gatto selvatico, è stato visto anche in pieno giorno lungo le strade carrabili. Oggi è totalmente protetto dalla legge sulla caccia anche se, purtroppo, non sono infrequenti casi di bracconaggio.

 

 

IL LUPO (Canis lupus)

E' un mammifero carnivoro appartenente alla famiglia dei Canidi. Se si esclude l’orso bruno, è il più grosso carnivoro della fauna europea e rappresenta da sempre una componente essenziale degli ecosistemi boschivi e montani. L'uomo lo ha sempre perseguitato, ritenendolo, a torto, un animale nocivo. L'odorato è il senso più sviluppato del lupo, il suo olfatto è 100 volte più sensibile di quello dell'uomo. Possiede arti lunghi, zampe larghe e un'ottima resistenza. Ha la taglia di un grosso cane e i maschi sono lunghi dai130 ai 180 cm e alti circa 70, le femmine sono decisamente più piccole. Il peso si aggira attorno ai 30-35 Kg, Il pelo è di colore grigio-marrone. Per sostentarsi abbisogna di circa 2-2,5 Kg di carne al giorno. L'alimentazione è strettamente carnivora, e la vita media dura intorno ai 10 anni ed è, ovviamente, legata alla capacità di procurarsi il cibo.

foto (animali dal mondo)

Impronta
orma lupo

L'uomo è, purtroppo, uno dei maggiori responsabili della sistematica diminuzione del numero di Lupi esistente sul nostro territorio, nonostante sia da tempo una specie protetta. E' un animale sociale che vive in branchi, che si organizzano per struttura gerarchica al cui vertice pongono un maschio e una femmina alfa, che hanno la dominanza assoluta sugli altri componenti e che sono gli unici ai quali è permesso riprodursi. Sono in grado di comunicare fra loro attraverso sofisticate mimiche corporee e guaiti particolari che sanno esprimere con grande efficacia i loro stati d'animo. Conflitti interni al gruppo non hanno quasi mai esiti cruenti, viene tutto definito tramite gestualità e vocalizzazioni precise.

 

 

 

LA VOLPE (Vulpes vulpes)

E' un animale notturno che non disdegna le uscite diurne se si sente sicura dei luoghi che frequenta. Riesce a nascondersi ovunque e, se non ha a disposizione tane, da lei stessa scavate, non disdegna le tane dei Tassi o gli avallamenti naturali dei fossi. Si nutre essenzialmente di lepri, conigli, roditori in genere (con la tendenza ad escludere Talpe e Topo ragno) e ricci. Non disdegna insetti, anche molto piccoli, uccelli, uova, lombrichi, carogne e rifiuti. Mangia praticamente di tutto, poichè, in Estate, riesce ad integrare la sua dieta anche con frutta e bacche. Ha bisogno dai 500 ai 600 g. di cibo al giorno. E' un canide di medie dimensioni (lungo dai 65 ai 75 cm). Ha il muso lungo e affusolato, le orecchie dritte, appuntite, nere nella parte posteriore, le zampe corte. Possiede una coda lunga dai 35 ai 50 cm, molto folta che, molto spesso, termina con la punta bianca.  Il manto, normalmente, è rosso scuro con possibilità di variazioni cromatiche da individuo a individuo, influenzato anche dalla zona in cui vive. Questo canide vive in tutta la nostra Penisola con la sola eccezione della Pianura Padana dove si vede raramente. Vive essenzialmente nei boschi, ma la si può trovare anche vicino ai centri abitati, specialmente se prospicenti a boschi o a prati estesi. Purtroppo, sempre più spesso, la Volpe viene avvistata nei pressi dei cassonetti dei rifiuti urbani... non ha grossi problemi di altitudine, la si può trovare praticamente ad ogni altezza : dal livello del mare a 3000 metri.

foto (animali dal mondo) Impronta
orma volpe

 

Forma gruppi familiari composti da un maschio e varie femmine tra le quali è presente un sistema gerarchico. Quando a partorire, nello stesso periodo, sono più femmine, l'allattamento avviene in forma collettiva e comunitaria. I piccoli di norma 4 o 5, nascono in tarda primavera. Dopo circa sei settimane sono svezzati, ma rimangono con la madre fino all'autunno. Il principale nemico della Volpe è, manco a dirlo, l'uomo, che la perseguita praticamente da sempre, a causa delle scorrerie nei pollai. Evitiamo, volutamente, di parlare della barbara usanza della "caccia alla Volpe" perpetrata, ancora oggi, in Gran Bretagna.

 

 

IL TASSO (Meles meles)

Il tasso è un mammifero appartenente all’ordine dei Carnivori ed è il più grosso dei nostri Mustelidi. E' alto al garrese 30 cm. circa e può arrivare a misurare fino a 90 cm di lunghezza con un peso oscillante dai 10 ai 20 Kg. E' provvisto di corporatura robusta, una testa appiattita e zampe corte e potenti munite unghie eccezionali che lo rendono uno scavatore non comune. Il tasso è, in verità, è un animale "ideato" per la vita sotterranea ed ogni parte del suo corpo ne è conferma.  La vista è poco sviluppata ma compensata da un olfatto potente, il mantello è poco folto, la coda corta, il naso e il labbro superiore sono retrattili in fase di scavo e le orecchie, piccole e rigidissime, si richiudono in avanti per impedire l’ingresso di terriccio nel canale uditivo...
.

Tasso (Meles meles)

la sua impronta

Tasso
  micoweb - animali del bosco - il Tasso impronte

Inconfondibile per la vistosa mascherina bianca e nera, il Tasso è un tipico abitante dei nostri boschi e delle nostre campagne. Essendo animale molto prudente e sospettoso, risulta molto difficile da osservare in natura ed anche le sue abitudini, prevalentemente notturne, non aiutano nella sua eventuale osservazione. Proprio per i motivi appena accennati, pur essendo molto diffuso in tutto il nostro territorio, pochi possono vantarsi di averlo visto. L’habitat preferito dal tasso è tra i boschi misti e di latifoglie con ricco sottobosco che si alterna a zone aperte come macchie, radure, pascoli e coltivi, sia in pianura che in montagna. L'attività sociale di questo animale si svolge prevalentemente all'interno della tana o, al massimo, nei pressi della stessa. Le tane sono scavate, con grande perizia, in terreni asciutti e ricoperti di vegetazione. All'interno, un vasto ed intricato complesso di corridoi e stanze, si sviluppa in profondità nel terreno per una superficie di decine di metri quadrati. La zona adibita a "dormitorio" o nido per l'allevamento della prole è sempre imbottita di muschio, erba, licheni e foglie morte. Le uscite di sicurezza sono essenziali e non mancano aprendosi in punti diversi nel territorio circostante. Unico nemico naturale il Lupo, oggi affiancato dalle orde di cani abbandonati e rinselvatichiti. Un tempo veniva cacciato dall’uomo per la carne, la pelliccia ed il grasso. Per fortuna oggi è protetto dalla legge anche se, qualche volta, è mal tollerato a causa dei danni che può arrecare a colture e frutteti. Danni, in realtà,assai trascurabili, di fronte alla provata utilità arrecata nel sistema ecologico del bosco.

 

 

IL DAINO (Dama dama)

E' un mammifero artiodattilo della famiglia dei Cervidi. Misura dai 140 ai 160 cm di lunghezza, con un'altezza al garrese di 90-100 cm; la coda misura circa 20 cm. Il peso può sfiorare gli 80 kg, si mantiene tuttavia solitamente attorno ai 60 kg.

Video Systema Naturae di Vincenzo Rizzo Pinna www.systemanaturae.it
Il Daino - Femmina con piccoli

la sua impronta

JavaScript disabilitato!
Per visualizzare il contenuto devi abilitare il JavaScript dalle opzioni del tuo browser.

  micoweb - animali del bosco - Istrice

Il colore del mantello varia a seconda della stagione: durante l'estate la parte dorsale è rossiccio-marrone maculata di bianco e con una striscia nera che corre lungo la spina dorsale. Durante l'inverno la parte dorsale diviene grigio-nerastra, mentre quella inferiore diventa di colore grigio-cenere. Il grado di pomellatura dei fianchi è assai variabile da individuo ad individuo. Il daino è poco "selvatico",  ed in particolare le femmine (che vivono in gruppi anche piuttosto consistenti, assieme ai cuccioli)  si possono facilmente osservare anche durante il giorno, non dimostrandosi timorose dell'uomo. I maschi, invece, conducendo vita perlopiù solitaria ed abitando in zone più impervie, sono al contrario assai prudenti e diffidenti. Il periodo degli amori dura tra la metà di ottobre e l'inizio di novembre: in questo periodo, i maschi, solitamente solitari, si uniscono ai gruppi di femmine e cuccioli, scacciando i giovani maschi (che formano gruppetti monosessuali di 5-6 individui e rimangono ai margini dei territori dei maschi, nella speranza di accoppiarsi con qualche femmina all'insaputa del maschio dominante) e definendo un proprio territorio. I maschi difendono il proprio diritto ad accoppiarsi con le femmine da altri pretendenti a suon di cornate: spesso smettono addirittura di alimentarsi per meglio tenere d'occhio il proprio harem, per rivendicare il possesso del quale fanno risuonare frequentemente il proprio bramito. Soltanto rare volte, comunque, ci sono dei ferimenti seri durante i combattimenti, in quanto essi seguono un preciso rituale e la forma appiattita dei palchi degli adulti scongiura danni di grossa entità. Purtroppo, anche il Daino, come molti altri animali dei nostri boschi, Risente della caccia, dell'inquinamento e del disboscamento.



ORSO BRUNO (Ursus arctos arctos)

L’orso bruno marsicano (Ursus arctos marsicanus) è una sottospecie di orso bruno che vive nell’Appennino centrale, in un’area compresa tra Umbria e Molise. Simbolo del Parco Nazionale d'Abruzzo, è il più grosso carnivoro della regione;  si differenzia dagli altri orsi italiani per le dimensioni, per il colore della pelliccia, per il comportamento piuttosto tranquillo e pacifico,  per alcune caratteristiche del cranio (nei maschi risulta essere più grande rispetto a quello delle femmine) e per le caratteristiche del muso  che non è allungato come nell'orso bruno del Trentino Alto Adige ma piuttosto schiacciato. La pelliccia risulta essere di colore bruno marrone, con zone più chiare sulla testa, sul collo e sul dorso, mentre gli arti sono decisamente più scuri.  In genere il maschio di orso bruno marsicano non supera i 150kg e la femmina i 100kg.

Orso

Orso

"La Provincia Informa" - Notiziario radiotelevisivo del Trentino Edizione n. 13 febbraio 2009

 

 

IL CONIGLIO SELVATICO (Oryctolagus cuniculus)

A prima vista sembra affine alla lepre mentre, in realtà, è molto diverso . Il Coniglio selvatico è molto più piccolo anche del coniglio domestico comune poichè, raramente, supera il chilogrammo. E' un animaletto notturno, coloniale e territoriale, vive in gruppi composti da qualche maschio adulto e diverse femmine, con gerarchie molto rigide. E' ovviamente un abile scavatore che sfrutta la propria abilità, per costruire più tane, abbastanza in profondità nel terreno e tutte comprese in una zona territoriale abbastanza ristretta. Ha un corpo relativamente raccolto e corto, la testa, grande e arrotondata, è ben distinta dal corpo. Possiede orecchie corte (per un coniglio). Grandi occhi  rotondi arti anteriori più brevi di quelli posteriori. La coda è, generalmente, bianca. La pelliccia è di un colore bruno chiaro - rossastro e anche grigia frammista a peli neri.

Coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus)

la sua impronta

  micoweb - animali del bosco - Coniglio selvatico
  micoweb - animali del bosco - Coniglio selvatico impronte

E' un erbivoro - granivoro. Il suo periodo riproduttivo comprende tutto l'anno, La gestazione dura 4 settimane, dopo di che nascono dai 3 agli 8 piccoli di una trentina di grammi, con gli occhi ancora chiusi e glabri. I piccoli vengono alla luce in una apposita camera - nido, tappezzata di vegetali e  pelo materno. Aprono gli occhi dopo una settimana e, solo dopo 3 settimane, sono svezzati. Raggiungono la maturità sessuale dai 3 ai 4 mesi. Vivono per circa 7 anni anni. I suoi nemici naturali sono : Volpe, il Gatto selvatico e quasi tutti i Mustelidi, nonchè diversi uccelli rapaci. Lo troviamo sia in pianura che in collina, raramente oltre i 500 m di altitudine. Predilige terreni asciutti, sabbiosi ed in parte argillosi. Come boschi, predilige quelli di conifere. In Italia è presente in Toscana, Sicilia, Sardegna meridionale ed isole minori del Mediterraneo.

 

 

L'ISTRICE (Hystrix cristata)

L' ISTRICE ( Hystrix cristata ) ha una lunghezza media di 60-82 cm, possiede una coda lunga 8-17 cm e pesa dai 13 ai 27 kg. Il pelo è setoloso e nerastro sul corpo, mentre la testa è di colore marroncino e sulla gola è presente una banda bianca a forma di mezzaluna. La testa è grande e dal muso arrotondato, con piccoli occhi neri ed altrettanto piccole orecchie e lunghe vibrisse. Ciò che maggiormente caratterizza l'animale è la presenza sul dorso di una quantità di aculei, che altro non sono che peli modificati: essi sono lunghi una ventina di centimetri ciascuno sul dorso e fino a 35 cm sui fianchi, striati alternativamente di bianco e di nero, e grazie a muscoli piloerettori e pellicciai sono erettili. Sulla coda l'animale ha inoltre altri peli cavi a forma di calice, che utilizza a mò di sonaglio per avvertire gli eventuali aggressori. Su testa e nuca, invece, l'animale non possiede aculei ma solo peli setolosi bianchi posti a mò di cresta erettile, sicché un eventuale aggressore può facilmente venire ingannato quando l'animale rizza contemporaneamente peli ed aculei. Si tratta di animali dalle abitudini principalmente notturne ed assai schivi, tanto che durante le notti di luna piena evitano con cura gli spiazzi aperti, dove potrebbero essere avvistati con facilità: durante il giorno riposano in spaccature delle rocce od in tane che scavano nel terreno grazie ai robusti unghioni delle zampe anteriori, oppure che ottengono occupando rifugi di altri animali, soprattutto di oritteropo. Durante l'inverno, se il clima è rigido, l'animale non esce dalla propria tana, tuttavia la specie non è solita andare in letargo. Quando l'animale è spaventato od eccitato, drizza contemporaneamente gli aculei ed i peli della nuca, dando l'impressione di essere assai più grande e robusto di quanto in realtà non sia: essendo gli aculei attaccati piuttosto blandamente alla radice, un eventuale aggressore che li sfiorasse si ritroverebbe irrimediabilmente ridotto ad un puntaspilli. Se tuttavia l'aggressore insiste nei suoi propositi, l'istrice comincia a pestare rumorosamente i piedi sul terreno ed ad agitare la coda munita di aculei a sonaglio, infine se messo alle strette carica l'aggressore, con esiti spesso letali. L'aculeo ha infatti una struttura lievemente seghettata, che ne rende difficile e dolorosa l'estrazione, anzi per gli animali sprovvisti di pollice opponibile essa è addirittura impossibile, tanto che spesso sono costretti a spezzare gli aculei conficcati nella pelle, col possibile rischio di infezioni. Si tratta di animali essenzialmente erbivori: si nutrono prevalentemente di tuberi e bulbi, che ottengono scavando nel terreno con le robuste zampe a colonna, ma non disdegnano di rosicchiare anche cortecce morbide, frutti caduti al suolo e, anche se assai sporadicamente, insetti. In prossimità di aree coltivate a patate o mais, spesso questi animali si danno nottetempo al saccheggio.

L'istrice è, inoltre, ghiottissimo d'uva, di cui fa scorpacciate riempiendosi la bocca coi grappoli più bassi o caduti ed in via di fermentazione e risucchiandone gli acini senza staccare il graspo dalla pianta. La stagione riproduttiva è limitata al periodo caldo, anche se esemplari in cattività possono riprodursi durante tutto l'arco dell'anno, mantenendo condizioni climatiche omogenee. Il ciclo estrale della femmina dura circa 35 giorni e la gestazione quattro mesi, al termine dei quali viene dato alla luce un unico cucciolo. La specie forma coppie monogame: la femmina tollera la presenza del compagno, mentre mostra comportamenti aggressivi con maschi estranei. Il maschio monta la femmina solo dopo che questa si dimostra disponibile all'accoppiamento, ponendosi con gli aculei abbassati e la coda spostata di lato: a questo punto, il maschio si pone sulle zampe posteriori e la penetra continuamente, appoggiandosi solo leggermente al suo dorso con le zampe anteriori.Nell'imminenza del parto, la femmina fodera la parte finale della tana con erba secca. Il cucciolo è estremamente precoce e poco dopo la nascita apre gli occhi e possiede già gli incisivi: il suo corpo è ricoperto di pelo, che forma cinque strisce bianche sul dorso, mentre gli aculei sono ancora morbidi. Ci vorrà una settimana prima che siano sufficientemente duri da permettere all'animale di utilizzarli come arma di difesa durante le sue uscite dal nido. Attorno al mese d'età, il cucciolo è perfettamente svezzato e perde il mantello giovanile, anche se la maturità sessuale viene raggiunta attorno ai due anni d'età.
fonte del testo : WikipediA

 

 

IL RICCIO (Erinaceus europaeus )

Il Riccio, benchè appartenga all'ordine Insectivora, è abbastanza onnivoro. È conosciuto per mangiare una vasta gamma di invertebrati ma preferisce i coleotteri e le lumache la carne e la frutta. Gli artropodi favoriti sembrano essere i millepiedi  e gli scarabei . Il riccio inoltre mangia rane, piccoli rettili, uccelli e giovani topi, piccole uova d'uccello, ghiande e bacche. Ha un periodo di gestazione che va dai 30 ai 45 giorni, partorisce fino a 9 piccoli ed il periodo di svezzamento è di 4/6 settimane. La durata media della vita è di circa 6 anni. Se la femmina si accoppia in anticipo si può avere una seconda gravidanza. Inoltre contrariamente a quello che si pensava i ricci nascono con gli aculei, che sono però avvolti da una membrana per proteggere la madre durante il parto. Questa membrana viene tolta dalla madre stessa, ma comunque viene via anche da sola dopo circa tre ore dalla nascita. Da quel momento gli aculei sono ben visibili, ma ancora molli.

Il Riccio (Erinaceus europaeus)

la sua impronta
  micoweb - animali del bosco - Il Riccio
  micoweb - animali del bosco - Riccio impronte

 


Le superfici dorsali e laterali, a parte la zona facciale ed i piedini, sono densamente ricoperte di spine di circa 20 millimetri di lunghezza (circa 5.000). Queste spine contengono spazi ripieni ed’aria separati dai dischi orizzontali per rinforzarne la struttura. Alla base di ogni spina è una piccola sfera o bulbo che si estende sotto la superficie della pelle per trattenerla saldamente. Le spine Sono bianche alla base e sulla punta, con delle fasce centrali di colore nero o marrone. Ogni spina è fissata ad un muscolo erettore in modo da poter essere alzato ed abbassato Una volta erette, le spine assumono una posizione a zigzag che fa in modo che si sostengono in una massa virtualmente impenetrabile Può pesare da 800 a 1200 grammi.