COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO? Scopri come si chiamano i fung ...
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI Un guida pratica,per principia ...
ERBE, FIORI, FRUTTI  E  PIANTE DEL BOSCO ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO Condividi l'esperienza del rit ...
COME SI CHIAMA QUESTO FUNGO?
Scopri come si chiamano i funghi che trovi nel bosco.Ti aiuteranno Micologi e fungaioli superesperti!
PRIMI PASSI NEL MONDO DEI FUNGHI
Un guida pratica,per principianti (e non), nell'introduzione al mondo fantastico dei funghi...
ERBE, FIORI, FRUTTI E PIANTE DEL BOSCO
Condividi l'esperienza del ritrovamento di ogni erba,fiore, frutto o pianta che incontri nelle tue passeggiate nel bosco!
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE
Le avventure di pesca dei fungaroli / pescatori! Prede e tecniche di pesca.
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI
Le avventure escursionistiche di "Caccia al fungo" con i nostri amici del Forum!
VIDEO SCHEDE FUNGHI
Le schede dei funghi trattati, sono tutte arricchite da un video in HD, girato nel bosco. micologia e natura
LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE LA PESCA IN MARE E IN ACQUA DOLCE Le avventure di pesca dei fung ...
LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI LE NOSTRE ESCURSIONI A FUNGHI Le avventure escursionistiche ...
VIDEO SCHEDE FUNGHI VIDEO SCHEDE FUNGHI Le schede dei funghi trattati, ...

CACCIATORI DI FUNGHI

IL CISTO

I funghi instaurano un rapporto simbiotico con le radici, permettendo loro di assorbire, oltre all'acqua, ulteriori elementi nutritivi. I funghi ricevono in cambio le materie organiche a loro necessarie, quali zuccheri, proteine e vitamine. Dove si sviluppano micorrize, gli alberi, sono sicuramente più sani e vigorosi e, comunque, molto meno soggetti allo stress ambientale. L’intreccio di ife, di cui è costituito il fungo, costituisce una fitta rete capillare che aumenta, anche di cento volte, la capacità assorbente della radice. In condizioni particolarmente favorevoli, tale intreccio è così intenso, che, le ife, possono ricoprire la radice.

IL CISTO ( Cistus monspeliensis )

 

Cisto
cisto
cisto
 
 

Il Cisto marino o cisto di Montpellier, appartiene alla famiglia delle Cistaceae, tipico delle associazioni floristiche cespugliose, o arbustive mediterranee.Fiorisce nei mesi di aprile-maggio. Nel periodo estivo entra in riposo vegetativo a causa delle condizioni siccitose proibitive e riprende l'attività solo con le piogge autunnali. Durante il riposo estivo perde buona parte del fogliame. Per questo motivo la macchia a cisto ha una tonalità grigio-bruna in estate determinata dalla colorazione della corteccia. La macchia a Cisto é una macchia bassa che, tuttavia, può arrivare ai 2 metri di altezza.Il più comune é il Cisto marino (Cistus monspeliensis), una pianta aromatica e appiccicosa. Il Cisto predilige suoli silicei dando luogo ad uno dei più suggestivi scenari della vegetazione mediterranea, una distesa di Cisto in piena fioritura é spettacolo che non si dimentica, lo sanno bene i Sardi che, in Primavera, vedono le loro coste fiorite da questa pianta straordinaria. I piccoli fiori bianchi del Cisto marino o quelli più grandi e rosa, delle specie minori, spiccano sul verde cupo del fogliame, diffondendo, a perdita d'occhio, una grande armonia di colori, mentre si sparge nell'aria, il loro acuto profumo. La macchia di cisto é solita diffondersi la dove gli incendi sono frequenti, incendi che spesso, purtroppo, servono a liberare terreno per coltivazioni e pascolo. Non essendo il Cisto, gradito al bestiame, finisce per diventare dominante in questi luoghi. Lo troviamo spesso associato a macchia mista di Lentisco, Oleastro e Mirto. I Cisti Micorrizano con diverse specie fungine perlopiù specifiche e che, spesso, assumono da lui la denominazione. : Amanita cistetorum, Entholoma cistophilum, Hebeloma cistophilum, Hygrophorus cistophilus, Lactarius cristophilus, Leccinum corsicum, Russula cistodelpha...                   Dal  Cistus monspeliensis (così come dal Cistus ladanifer e dal Cistus creticus) si estrae una resina chiamata ladano, che è molto importante in profumeria dove è usata soprattutto come fissativo. Il Cisto marino, inoltre, è fondamentale come pianta colonizzatrice di aree collinari degradate, in quanto rappresenta uno degli ultimi baluardi prima della desertificazione, prevenendo l'erosione dei suoli declivi percorsi da incendi. L'uso domestico invece è limitato a legna da ardere, utile soprattutto per avviare l'accensione.

Hygrophorus cistophilus
Lactarius cistophilus
Lactarius tesquorum
Leccinum corsicum
Russula monspeliensis